Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK

editoriale

23 maggio 2013 - STEFAN KASPAR; UNO SVIZZERO INNAMORATO DEL PERU' CHE HA INVENTATO LA RETE DEI MICROCINEMA

In un nomdo che chiude le sale di cinema per farne dei Bingo o dei supermercati, un uomo solo sfida lo strapotere della fabbrica mediatica USA e crea una rete di cinema alternativi nel cuore delle Ande

continua

08 febbraio 2013
DIAMO DIFFUSIONE AD UN BANDO PER CITTADINI EXTRACOMUNITARI

5.000 Euro per la formazione di un lavoratore immigrato/rifugiato o richiedente asilo

Fonte: Ministero del Lavoro e Politiche Sociali

OPPORTUNITÀ PER I CITTADINI E PER LE IMPRESE -  RELAR II FASE: avviso pubblico per il finanziamento di interventi finalizzati all’inserimento lavorativo di immigrati nelle Regioni Campania, Puglia, Calabria e Sicilia
 
Data Apertura: 08/02/2013 - Data Chiusura: 09/03/2013
 
Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali promuove il programma "Rete dei servizi per la prevenzione del lavoro sommerso" (RE.LA.R) finanziato con fondi a valere sul PON "Governance e Azioni di Sistema" - Ob Convergenza.

 

L’obiettivo dell’intervento è promuovere la realizzazione di misure e servizi per l’inserimento lavorativo di immigrati extracomunitari, in particolare titolari e richiedenti protezione internazionale, presenti nelle Regioni Obiettivo 1 Convergenza, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, per migliorare la loro condizione sociale ed occupazionale e contrastare fenomeni di sfruttamento, lavoro nero ed esclusione sociale.

I percorsi di politica attiva del lavoro che si intendono promuovere sono finalizzati alla formazione e qualificazione delle competenze e all’occupazione dei destinatari attraverso la realizzazione di tirocini e prevedono sia l’erogazione di un contributo agli enti promotori che una indennità di frequenza ai destinatari per la partecipazione al percorso.

 

Destinatari
I destinatari dei tirocini sono i cittadini immigrati extracomunitari presenti nelle Regioni Obiettivo Convergenza, con particolare riferimento ai richiedenti e titolari di protezione internazionale (status di rifugiato, protezione sussidiaria, protezione umanitaria) presenti nelle strutture e nei centri di accoglienza delle Regioni indicate.

 

Soggetti promotori
Possono partecipare al presente avviso i soggetti privati abilitati all’attivazione di percorsi di tirocinio formativo  ai sensi dell’articolo 1, comma 1,  D.M. 142/1998 (Enti promotori) e s.m.i. e delle normative regionali di riferimento.

 

Condizioni per l’attivazione dei tirocini
Per ciascun percorso di tirocinio dovranno essere rispettate le seguenti condizioni:

  • i percorsi dovranno essere realizzati in conformità con la normativa nazionale e regionale di riferimento in materia di tirocini formativi;
  • le attività valide ai fini dell’indennità di frequenza non potranno durare più di 5 mesi;
  • il tirocinio potrà avere una durata sino ad un massimo di 30 ore settimanali; inoltre le ore di frequenza non potranno superare le 6 ore giornaliere;
  • ogni soggetto promotore non potrà attivare – anche nell’ambito di più regioni – più di 25 percorsi di tirocinio.

Per ulteriori condizioni ed obblighi si consulti il testo completo dell’avviso.

 

Risorse finanziarie
Le risorse previste per il finanziamento dei percorsi di  inserimento lavorativo sono pari a € 2.200,000,00  a valere sul PON “Governance e Azioni di Sistema” - Ob. Convergenza.

 

Importo delle doti
L’importo della dote è stato determinato nella misura massima di € 5.000,00, ripartito in due componenti: un’indennità di frequenza per i tirocinanti e un contributo al costo dell’erogazione dei percorsi di tirocinio attivati per i soggetti promotori. Il contributo verrà erogato a condizione che l’ente promotore fornisca ad Italia Lavoro la documentazione attestante l’avvenuto inserimento lavorativo del tirocinante (contratto di almeno 6 mesi).

 

Durata
L’intervento complessivo ha una durata di 12 mesi. I tirocini possono avere una durata da 3 a 5 mesi. I contratti di lavoro non possono essere inferiori a 6 mesi.

 

Sistema informativo
I soggetti ammessi a contributo saranno abilitati all’inserimento dei documenti relativi alle prestazioni erogate ai destinatari delle attività sulla piattaforma informatica dedicata (PLUS) di Italia Lavoro, che provvederà a fornire le credenziali di accesso al sistema.

 

Termine e modalità di presentazione delle domande
Le domande di partecipazione all’Avviso dovranno essere inviate ad Italia Lavoro, a mezzo Posta Elettronica certificata all’indirizzo immigrazionemobilita@pec.italialavoro.it, indicando nell’oggetto “Progetto Relar II fase” entro e non oltre le ore 13,00 del 9 marzo 2013. Non verranno prese in considerazione domande trasmesse a  Italia Lavoro Spa secondo differenti modalità e oltre tale data.

 

Informazioni
Il presente avviso pubblico è pubblicato per estratto sui quotidiani “Il Mattino”, “Corriere del Mezzogiorno ed. Puglia/Basilicata”, “Giornale di Sicilia” e “Gazzetta del Sud ed. Calabria”. La versione integrale dell’avviso e la relativa modulistica sono reperibili oltre che su questo portale all’interno dei seguenti portali: www.lavoro.gov.it/ e www.integrazionemigranti.gov.it.

I soggetti interessati potranno inviare quesiti e richieste di informazioni all’indirizzo e-mail relar@italialavoro.it. Le risposte ai quesiti di interesse generale saranno pubblicate sul sito internet www.italialavoro.it.